Casa > notizia > Sotto la pandemia e la guerra commerciale, i semiconduttori del sud-est asiatici hanno un futuro migliore?

Sotto la pandemia e la guerra commerciale, i semiconduttori del sud-est asiatici hanno un futuro migliore?

Poiché la Malesia ha imposto un blocco nazionale del 1 ° giugno, il sud-est dell'Asia originariamente pacifico è stato nuovamente catturato nella vasca idromassaggio dell'epidemia. Calcolato su base pro capita, il tasso giornaliero della Malesia dei nuovi casi ha superato quello dell'India, e il numero totale di nuovi casi di corona in Tailandia, il Vietnam e altri paesi hanno più che raddoppiato nel mese scorso. Sud-Est asiatico, come un importante centro di produzione di semiconduttori, non è famoso come East Asia, ma in realtà è un collegamento molto importante nella catena del settore. Contro lo sfondo di epidemie ripetute e una guerra commerciale di riscaldamento, che tipo di futuro del sud-est asiatico affronterà in termini di semiconduttori.

La forza del sud-est asiatico non deve essere sottovalutato


L'Amministrazione Generale della Dogana ha emesso un annuncio nel luglio 2020 che il mio paese ha importato 226,81 miliardi di yuan di circuiti integrati dall'ASEAN, con un incremento del 23,8%, pari al 24,2% del valore totale delle importazioni dall'ASEAN e all'esportazione di circuiti integrati per ASEAN erano 89,68 miliardi di yuan, con un incremento del 29,1%, pari al 7,8% del valore totale delle esportazioni dell'ASEAN. L'ASEAN comprende la Malesia, Singapore, Thailandia, Vietnam e altri paesi ed è già una delle regioni di esportazione più importanti dei semiconduttori al mondo.

Il più grande impatto sulla catena del settore del semiconduttore globale è la Malesia. Questo paese è uno dei più importanti basi di imballaggio e test dei semiconduttori più importanti del mondo, rappresentando il 13% della quota di confezionamento e test del mondo, ed è anche uno dei 7 principali centri di esportazione del semiconduttore del mondo.

Un totale di 50 multinazionali, tra cui Intel, AMD, NXP, ASE, Infineon, Stmicroelectronics, Renesas, Texas Instruments and ASE, hanno linee di montaggio e test e linee di produzione del wafer in Malesia.

Penang in Malesia è noto come la Silicon Valley of the East. Ha un ecosistema composto da oltre 3.000 fornitori locali diversificati, che coprono i campi tra cui automazione, sviluppo del software, assemblaggio, elettronica, ingegneria di precisione e lavorazione dei metalli, tra cui Intel, Broadcom, micron, società internazionali, tra cui Motorola, Dell e iPhone fornitore Jabil Jabil , hanno costruito impianti di produzione lì.

La quota della Malesia del mercato della produzione del semiconduttore di back-end globale è alto come l'8%, di cui Penang contribuisce all'80%, occupando una posizione vantaggiosa nel gruppo microelettronico globale e nei campi di imballaggio e test.

Singapore è un'altra centrale elettrica di semiconduttori nel sud-est asiatico ed è noto per le sue generose politiche industriali. Secondo le stime di Boston Consulting Group (BCG), se il costo del funzionamento di una fabbrica di memoria all'avanguardia negli Stati Uniti per 10 anni è impostato a 100 anni, sarà solo 79 a Singapore. La ragione principale è la differenza di politiche preferenziali per gli investimenti delle attrezzature e le tasse societarie.

Nel primo decennio del XXI secolo, il numero di aziende relative al semiconduttore a Singapore ha superato i 300, dal Nord America, dall'Europa, Giappone e altre regioni, tra cui 40 società di design IC, 14 faboni di silicio e 8 faboni speciali. , 20 società di imballaggio e test e alcune aziende responsabili dei materiali del substrato, attrezzature di produzione, fotomobili e altre industrie.

Il 18 gennaio 2021, il governo di Singapore ha pubblicato i dati affermando che le esportazioni nel 2020 raggiungeranno 172,4 miliardi di dollari di Singapore, con un incremento del 4,3% rispetto al 2019. Con l'aumento della domanda globale dei semiconduttori, l'esportazione di componenti elettronici come circuiti e transistor integrati è stato forte, quindi il valore complessivo delle esportazioni ha mantenuto un slancio di crescita sotto l'epidemia.

Rispetto a Singapore e Malesia, il layout del settore dei semiconduttori nelle Filippine non è completo, concentrandosi sulla produzione di componenti elettronici, in particolare MLCC. I produttori di MLCC internazionali come Murata, Samsung Electro-Mechanics e Taiyo Yuden hanno fabbriche a Manila, la capitale delle Filippine. Di conseguenza, Manila ha acquisito il titolo di "MLCC Factory Gathering Place".

Thailandia e le Filippine sono in condizioni simili. Sono più forti della produzione del disco rigido (comprese le unità disco fisso), e sono attualmente il secondo più grande disk del mondo esportatore e produttore. Nel 2017, il volume totale del commercio del settore elettronico della Tailandia è stato di circa 71 miliardi di dollari, di cui le entrate all'esportazione erano circa 37 miliardi di dollari.

Il Vietnam è il tardo stella dei semiconduttori del sud-est asiatico. Una relazione di Technavio, una società di consulenza sulla ricerca sulla tecnologia globale, ha previsto che il mercato dei semiconduttori vietnamiti crescerà di quasi il 19% a US $ 6,16 miliardi dal 2020 al 2024. Vietnam ha una popolazione di 90 milioni e la sua composizione della popolazione è molto giovane, che è Importante per lo sviluppo di tutte le industrie, quindi ha un potenziale enorme.

Nel 2013, l'industria della tecnologia dei semiconduttori del Vietnam ha attirato l'attenzione del governo vietnamita ed è stata inclusa nei nove cataloghi dei prodotti chiave del paese in quel momento. In quell'anno, al fine di raggiungere l'obiettivo di raggiungere un fatturato medio annuo di 2 miliardi di dollari USA, oltre al sostegno del governo, le imprese vietnamiose pertinenti e le università hanno rafforzato anche la formazione dei talenti di sviluppo tecnico, aumentato le fabbriche circuitali integrate e focalizzate Integrando l'industria della tecnologia dei semiconduttori con integrare strategie nazionali di sviluppo nazionali.

Attualmente, Intel, Samsung e Jabil operano nel Saigon Hi-Tech Park di Ho Chi Minh City per molti anni. Al giorno d'oggi, molte aziende straniere scelgono di investire nelle province che circondano Ho Chi Minh City: Dong Nai, Binh Duong, Tay Ninh, Hanoi e altri luoghi.

A causa della posizione speciale del sud-est asiatico nell'industria dei semiconduttori e nella sospensione dell'epidemia nel 2020, l'industria sta prestando particolare attenzione alla situazione attuale.

Inestricabilmente collegato con la Cina

Sud-Est asiatico è anche un beneficiario del trasferimento dell'industria dei semiconduttori. Singapore e la Malesia hanno iniziato a intraprendere alcune industrie a semiconduttori tra cui chips dal Giappone e nella Corea del Sud negli anni '90. Attraverso 30 anni di sviluppo, i semiconduttori sono diventati le industrie del pilastro di questi due paesi. Le Filippine, la Thailandia e il Vietnam vedono anche grandi prospettive, sperando di attirare più aziende internazionali con bassi costi di lavoro e terreni.

I semiconduttori nel sud-est asiatico e la Cina hanno legami molto stretti. Come menzionato sopra, il commercio dei semiconduttori tra la Cina e i paesi del sud-est asiatici sono diventati la parte più importante del commercio bilaterale. Secondo le statistiche, le importazioni della Cina dall'ASEAN sono aumentate del 24% su base annua, e le sue esportazioni all'ASEAN sono aumentate del 29% su base annua (tutte risolte in RMB). Solo il semiconduttore ha guidato il tasso di crescita del commercio cinese con l'ASEAN di 3,2 punti percentuali.

Ad eccezione dei paesi tradizionali come la Malesia e Singapore, il commercio dei semiconduttori tra la Cina e i paesi di mercato emergenti si sta anche espandendo.

Secondo le statistiche della Camera di Commercio della Cina per l'importazione e l'esportazione di macchinari e prodotti elettronici, dal momento che agosto 2016, le esportazioni dei circuiti integrati del mio paese in Vietnam sono aumentate sostanzialmente. A partire dal 2020 maggio, le importazioni mensili del Vietnam di prodotti circuitali integrati dalla Cina sono aumentate da $ 100 milioni di dollari nell'agosto del 2016 a quasi $ 1,2 miliardi di dollari oggi, con un tasso medio di crescita mensile superiore al 30%.

Viceversa, i paesi emergenti come il Vietnam sono anche inseparabili dalla Cina se vogliono sviluppare le proprie industrie dei semiconduttori. Technavio ha previsto che il mercato dei semiconduttori del Vietnam aumenterà di USD 6,16 miliardi (equivalente a RMB 42,3 miliardi) durante il 2020-2024. Secondo l'analisi degli addetti ai lavori del settore, i Giants International Semiconductor che vogliono aprire il valore del mercato vietnamita che il Vietnam è vicino alla Cina, il più grande paese di produzione industriale del mondo e può ottenere una fornitura stabile di parti di attrezzature chiave.

Whirlpool e il futuro


Dopotutto, l'impatto dell'epidemia è temporaneo. I fattori che influenzano lo sviluppo dei semiconduttori nel sud-est asiatico sono la guerra commerciale a breve termine, e sarà attribuito a sé a lungo termine.

Con lo scoppio della guerra commerciale, molti produttori americani ed europei hanno spostato le loro operazioni di produzione e acquisto dalla Cina a Sud-Est asiatico. Dopo l'escalation della guerra commerciale sino-statunitense, queste aziende sono state in grado di continuare ad esportare negli Stati Uniti, e di conseguenza, le esportazioni dai paesi del sud-est asiatici negli Stati Uniti crebbero rapidamente.

Allo stesso tempo, anche il capitale straniero ha cominciato a favorire il sud-est asiatico a causa della guerra commerciale. Prendi la Malesia come esempio. Il suo investimento diretto estero nella prima metà del 2020 è aumentato di 11 volte rispetto al passato, raggiungendo 2 miliardi di dollari, che è ancora più alto dell'investimento totale ricevuto in qualsiasi anno in passato.

Tuttavia, questa ondata di dividendi supporta il futuro dei semiconduttori del sud-est asiatico?

I paesi del sud-est asiatici sperano di sviluppare la propria ecologia del semiconduttore e alla fine eliminare lo stato delle fabbriche di lavorazione.

In Malesia, molti semiconduttori locali e aziende relative ai semiconduttori, in particolare società quotate pubblicamente, sono per lo più coinvolte nella parte centrale ea fine della catena del settore dei semiconduttori, fornendo servizi per produttori di semiconduttori stranieri, proprietari di marchi, sviluppatori IC e produttori.

Dal 2018 al 2022, il tasso medio annuo di crescita dei ricavi del settore elettronico locale della Malesia dovrebbe raggiungere il 9,6%. "Se si tratta di EMS, OSAT o R & S e design di prodotti elettronici, le aziende malesi hanno consolidarono con successo la loro posizione nella catena di approvvigionamento globale." Un osservatore straniero ha dato questa valutazione.

Il governo malese prevede inoltre di fornire incentivi fiscali per promuovere l'industria dei semiconduttori ad alto valore aggiunto del paese.

A Singapore, il governo ha riordinato la sua strategia e ha lanciato un programma di incentivi multi-miliardo di dollari per attirare gli investimenti stranieri, sviluppando vigorosamente la produzione intelligente, comprese nuove tecnologie di automazione e internet delle cose.

Il futuro Consiglio economico di Singapore riguarda la fabbricazione di precisione come un autista di crescita chiave per Singapore. Con il supporto della "ricerca, innovazione e impresa 2020 piano", il governo di Singapore ha assegnato $ 3,2 miliardi per investire in ingegneria manifatturiera di precisione.

Il Vietnam sta anche accelerando lo sviluppo del suo settore dei semiconduttori locali. Secondo i report dei media locali, i parchi nazionali nazionali e high-tech del Vietnam a Hanoi, Ho Chi Minh City, Hong Kong, Thai Nguyen, BAC Ninh e BAC Giang svolgeranno un ruolo importante nello sviluppo dell'industria IC del paese e ha attratto gli investimenti da società straniere.

Tuttavia, l'industria ha ancora dubbi sul futuro dei semiconduttori del sud-est asiatico. Analista del settore senior Zheng Yue crede che anche se c'è un disaccoppiamento tra la Cina e gli Stati Uniti in futuro, i semiconduttori nel sud-est asiatico non subiscono troppi cambiamenti.

"La cosa più importante è la mancanza di talenti", ha detto Zheng Yue, "Semiconductor Talent Training è un progetto sistematico. I paesi del sud-est asiatici (tranne per alcuni paesi) non hanno una base in questa zona, e non ci sono al momento corrispondenti piani."

L'era del lavoro a basso costo come fattore competitivo sta passando.Un esperto domestico ha sottolineato una volta "educazione, formazione e infrastrutture costituiscono i fattori della competitività futura".

"Inoltre, lo sviluppo dei semiconduttori deve anche vedere quali progetti sono più adatti per le proprie circostanze, ma ci sono già paesi leader in ogni campo, e sarà molto difficile per i paesi del sud-est asiatici che vogliono recuperare".Zheng Yue enfatizzato.

Nella catena del settore del semiconduttore globale, ogni paese o regione ha il suo posizionamento più adatto, che è anche una situazione formata dopo anni di gioco.Per i paesi del sud-est asiatico che vogliono svolgere un ruolo più importante, la strada da percorrere non sarà liscia.