Casa > notizia > Analista: Apple iPhone 11 / AirPods fornisce miglioramenti o segnali di recupero della capacità cinese

Analista: Apple iPhone 11 / AirPods fornisce miglioramenti o segnali di recupero della capacità cinese

Secondo i resoconti dei media stranieri, il rapporto afferma che dopo l'aumento della fornitura dei prodotti chiave di Apple, ciò dimostra che i fornitori cinesi hanno sostanzialmente ripreso la normale produzione dopo le operazioni di chiusura a causa della nuova polmonite corona all'inizio del 2020.

Secondo un rapporto di Gene Munster di Loup Ventures, quattro prodotti chiave Apple (64GB iPhone 11, 64GB iPhone 11 Pro, AirPods Pro e 2nd) sono stati rintracciati in 13 paesi nelle ultime due settimane (Generation AirPods) e sono notevolmente migliorati . Secondo lui, la società segue la fornitura di questi prodotti da metà febbraio.

Il rapporto specifica che il tempo medio di spedizione dell'iPhone è ora di due giorni, inferiore al picco di 6,7 giorni registrato il 4 marzo. Allo stesso modo, anche il tempo di spedizione di AirPods è passato da 10,6 giorni il 4 marzo a una media di 7,4 giorni.

Sebbene Munster non sia stato in grado di collegare chiaramente il miglioramento delle spedizioni all'aumento dell'offerta, ritiene che la riduzione dei tempi di consegna sia dovuta in gran parte al riavvio della produzione cinese. Allo stesso tempo, ha anche sottolineato che la domanda debole può anche essere una "piccola parte" dell'inventario in aumento.

"La variabile chiave in termini di fornitura di prodotti Apple nell'ultimo mese è la chiusura della produzione e dell'assemblaggio cinesi". "Dopo che Apple ha annunciato il 17 febbraio che il primo trimestre delle entrate di quest'anno sarebbe stato inferiore alle attese di alcuni giorni, stiamo assistendo a un lungo periodo di consegna del prodotto. Ma nei giorni seguenti è stato riportato che le fabbriche cinesi hanno ripreso la produzione, sono iniziate le condizioni di consegna migliorare. "

Sebbene alla fine di gennaio Foxconn avesse promesso che la nuova polmonite a corona non avrebbe influenzato la produzione, ha chiuso l'impianto pochi giorni dopo e ha tenuto i dipendenti isolati a casa.

A metà febbraio, l'obiettivo di Foxconn è di riavviare la produzione, che aumenterà la capacità produttiva del 50% entro la fine del mese. Entro il 12 marzo, Foxconn aveva ripreso le normali operazioni, con qualche settimana di anticipo rispetto al programma.

Oltre all'impatto sull'offerta, anche le operazioni di Apple sono state adeguate a causa dell'epidemia. Con l'aggravarsi dell'epidemia, la scorsa settimana Apple ha annunciato che avrebbe chiuso tutti i negozi al di fuori della Grande Cina. Quanto a quando sarà in grado di riprendere le operazioni, a seconda della situazione specifica, il 27 marzo è solo provvisorio. Inoltre, a causa dell'impatto dell'epidemia, Apple è stata anche costretta a modificare il modo in cui si tiene la conferenza annuale degli sviluppatori globali e ha annunciato la scorsa settimana che l'evento si terrà interamente online.